top of page

Bevande da bere e da non bere per il diabete

Quando si tratta di gestire con successo il diabete di tipo 2, ciò che si beve è importante quanto ciò che si mangia. Infatti, potreste essere sorpresi da quanto una singola bevanda possa influenzare la vostra glicemia.

Le bevande con carboidrati (leggi: zucchero) influiscono più facilmente sulla glicemia rispetto alle bevande a zero carboidrati e zero zuccheri, come l'acqua. "Tutto ciò che è liquido e contiene carboidrati viene digerito più velocemente di qualcosa che si deve masticare", afferma Lori Zanini, RD, CDCES, dietista con sede a Los Angeles. Il risultato è un rapido aumento della glicemia.

Se avete il diabete di tipo 2, questo significa eliminare le bevande zuccherate, come le normali bibite, il tè dolce e persino i succhi di frutta, e sostituirle con opzioni a basso contenuto di zucchero e senza zucchero, tra cui l'acqua.

Se vi piace sorseggiare bevande in bottiglia, potreste non sapere come mantenervi idratati. Fortunatamente, c'è una varietà di bevande rinfrescanti e saporite che si possono gustare, dice Katherine Basbaum, RD, dietista presso l'University of Virginia Health System di Charlottesville.

L'acqua è una delle poche bevande che si possono bere senza preoccupazioni durante la giornata. "L'acqua è neutra", dice Zanini. Ciò significa che l'acqua non alza né abbassa la glicemia.

Bere acqua è anche un ottimo modo per rimanere idratati, e rimanere idratati aiuta a regolare la glicemia. "L'acqua aiuta a diluire il sangue, abbassando così i livelli di zucchero nel sangue", spiega Zanini.

In termini di assunzione giornaliera di liquidi, la Mayo Clinic dice che gli uomini dovrebbero puntare a circa 15 bicchieri e mezzo, mentre le donne a circa 11 bicchieri e mezzo. Tenete d'occhio la vostra idratazione controllando che il colore dell'urina sia giallo chiaro, dice Zanini.

"Anche il latte scremato o magro è una buona bevanda, ma deve essere conteggiato nel totale dei carboidrati per un determinato pasto o spuntino", dice Basbaum.

Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), una tazza di latte all'1% (latte magro) fornisce anche 310 milligrammi (mg) di calcio, che rappresentano circa il 24% del valore giornaliero.

Tenete presente che le opzioni di latte non caseario, come il latte di mandorla, possono avere dolcificanti e aromi aggiunti. Inoltre, spesso non contengono le proteine del latte vaccino che stabilizzano gli zuccheri nel sangue.

Il consumo regolare di bevande zuccherate, come le bibite e il tè in bottiglia zuccherato, ha effetti devastanti sull'organismo in diversi modi.

Per esempio, uno studio ha rilevato che gli adulti di mezza età che bevevano più di tre bevande zuccherate a settimana avevano un rischio del 46% più elevato di sviluppare il prediabete rispetto alle persone che non bevevano bevande zuccherate. Analogamente, uno studio precedente ha rivelato che le persone che consumavano solo due bibite zuccherate o succhi di frutta alla settimana avevano un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2, in particolare se avevano preso più di due chili in un periodo di cinque anni. "Le bevande zuccherate vengono assorbite troppo rapidamente nel sangue, causando un'impennata dei livelli di glucosio nel sangue", spiega Basbaum. Inoltre, queste bevande influiscono sull'assunzione di carboidrati.

Prendete l'abitudine di portare con voi una bottiglia d'acqua nel caso in cui vi troviate in un posto dove non sono disponibili bevande senza zucchero.




7 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page